La rifinizione non è mai stata così veloceGrande interesse da parte del mercato per le numerose novità presentate da Bergi nel suo stand al Simac Tanning Tech. […]

Mag 30, 2019
Posted in: , TANNERY , Tecnologia

Grande interesse da parte del mercato per le numerose novità presentate da Bergi nel suo stand al Simac Tanning Tech. A partire dalla pressa per stirare e stampare SuperVario abbinata allo stenditore Pegasus, ideale per lavorare pelli a grane profonde per arredamento e carrozzeria che ha riscosso molto interesse. Un’altra macchina molto ammirata è stata la nuova smerigliatrice a nastro Attiva ideale per pelli bovine, conciate al vegetale o impregnate (perché lavora a freddo) che ha la particolarità di lavorare a banco inclinato in modo che la pelle cada sul nastro stesa (anziché sdoppiata), pronta quindi per passare alla depolveratrice. Attiva è stata presentata dotata di spreader, un introduttore automatico molto utile in particolare quando si lavorano le pelli morbide perché agevola il lavoro dell’operatore.

Anche sul fronte della rifinizione Bergi ha attirato l’attenzione dei visitatori della fiera presentando una linea di applicazione composta da una spalmatrice a rullo ed una accoppiatrice di film transfer.  In collaborazione con alcuni produttori di ausiliari chimici l’azienda meccanica ha sviluppato infatti nuove tecniche di rifinizione molto interessanti sia dal punto di vista dei costi che dei tempi. In pratica, dopo aver preparato la pelle si effettua la rifinizione in un solo passaggio mediante l’applicazione di un film transfer sottilissimo, praticamente un gel polimerico ad altissima aderenza fornito in bobina, applicabile sia su pelli pieno fiore che su pelli stuccate e/o smerigliate e su croste di ogni tipo. Il risultato è un articolo finito dalla mano molto morbida. Diversamente dai sistemi a spruzzo, questo tipo di rifinizione non produce emissioni in atmosfera, consuma meno prodotto chimico e non produce scarti.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
Convegno AICC: “Senza mezze misure”

Convegno AICC: “Senza mezze misure”

I lavori presentati al convegno toscano dei chimici del cuoio confermano la natura sostenibile della produzione di pelle ed indicano le nuove direttrici della ricerca, dall’impronta ambientale al ciclo di vita dei prodotti, dalla riduzione del consumo di risorse all’economia circolare