Perfetta la radiofrequenza per il crustPraticamente un set cinematografico ispirato allo Spazio lo stand di Cartigliano al Simac Tanning Tech 2019, un ambiente futuristico che […]

Mag 30, 2019
Posted in: , TANNERY , Tecnologia

Praticamente un set cinematografico ispirato allo Spazio lo stand di Cartigliano al Simac Tanning Tech 2019, un ambiente futuristico che ancora una volta ha stupito visitatori e clienti. In mostra, tra videoproiezioni di astronavi spaziali, la nuova macchina a radio frequenza (si chiama RF Equalizer) per asciugare le pelli in crust che va ad affiancarsi a quella dedicata alla rifinizione già presentata l’anno passato. “Nel campo del condizionamento delle pelli, la radiofrequenza è una tecnologia promettente che offre importanti vantaggi in termini di costi e qualità del prodotto” spiegano da Officine di Cartigliano che a questo tema ha dedicato anni di ricerca. “La pelle, posizionata in un campo elettromagnetico a radiofrequenza, assorbe energia elettrica mediante dissipazione dielettrica e rilascia umidità in misura proporzionale al calore assorbito. L’asciugatura della pelle avviene così in modo omogeneo sia sulla superficie che all’interno della struttura interfibrillare”. Il sistema a radiofrequenza praticamente lavora “a freddo” eliminando quindi il problema della perdita di piedaggio della pelle legata al riscaldamento ed assicurando una resa massima e definitiva. Azzerati anche i tempi morti in quanto la macchina non necessita di pre-riscaldamento né raffreddamento.

Nata nel 1961 Cartigliano, che anche quest’anno ha partecipato all’iniziativa Green Week aprendo le porte del suo stabilimento, fattura circa quaranta milioni l’anno di cui oltre l’80 per cento sui mercati esteri.

 

 

Potrebbe interessarti anche
Convegno AICC: “Senza mezze misure”

Convegno AICC: “Senza mezze misure”

I lavori presentati al convegno toscano dei chimici del cuoio confermano la natura sostenibile della produzione di pelle ed indicano le nuove direttrici della ricerca, dall’impronta ambientale al ciclo di vita dei prodotti, dalla riduzione del consumo di risorse all’economia circolare