Il metal free proposto da Dermacolor permette di ottenere articoli dall’aspetto particolarmente naturale, con un fiore fine ed un grado di concia che ne consente l’utilizzo in tutte le successive lavorazioni, compresa la tintura in capo. “Con il nostro sistema, passando attraverso la fondamentale fase di preconcia wet white (Dry White Dermacolor), possiamo realizzare articoli per tutti i settori di destinazione, dalla calzatura all’abbigliamento, dall’arredamento all’automotive”.
Sviluppo e ricerca sono da sempre il motore dell’azienda chimico-conciaria toscana che opera attraverso laboratori di ricerca all’avanguardia. “I restrittivi parametri  chimici da rispettare, come la presenza di metalli (Cr,Al,Ti,Fe,Zr) e il contenuto di formaldeide libera, sono attentamente monitorati e valutati dai nostri tecnici in fase di progettazione dell’articolo” spiegano da Dermacolor. Un’attenzione particolare è rivolta alla riduzione dell‘impatto sulle acque di scarico attraverso l’utilizzo di ingrassi con caratteristiche tali da diminuire il COD dei reflui.
Dermacolor ha realizzato una nuova serie di coloranti organici che evitano la problematica legata all’utilizzo di coloranti metallo complessi che in alcuni casi influirebbero negativamente sul risultato analitico del metal free. Speciali agenti protettivi assicurano ottime performance a tutti gli articoli dedicati all’arredamento e automotive.

Lo scorso anno Dermacolor ha realizzato importanti investimenti nella sua sede di Castelfranco di
Sotto (Pisa). In pratica è stata quasi raddoppiata la superficie dello stabilimento ampliando soprattutto gli spazi dedicati alla rifinizione delle pelli, ora attrezzati con nuove cabine di spruzzatura, macchine a rullo, tavoli per la campionatura ed altre apparecchiature necessarie per sviluppare articoli nuovi. Investimenti atti a dare un grande impulso all’attività di rifinizione con la proposta di articolistica sempre nuova in grado di stimolare il mercato.