Il Covid-19 ha assestato un brutto colpo alla filiera pelle cinese nel primo trimestre dell’anno. Stando ai dati della China Leather Industry Association il fatturato globale del settore (che comprende le compagnie medie e grandi) è sceso del 21,67% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente mentre gli utili sono crollati del 33,9%. Le esportazioni dei primi tre mesi hanno raggiunto un valore di 14,39 miliardi di USD, in flessione del 19,9%, mentre le importazioni sono crollate del 16,2% per un valore totale di 2,97 miliardi di USD.


Industria conciaria
Il fatturato sviluppato dalle 591 concerie medie e grandi censite è stato di 3,05 miliardi di USD, pari ad un calo del 20,92% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. L’industria conciaria ha prodotto 119 milioni di pq di pelle nei primi tre mesi, corrispondente ad un calo del 14,97%. L’import di pelle semifinita è ammontato a 132.000 tonnellate (-15%) per un valore di 204 milioni di USD (-24,4%),  mentre quello di pelle finita è stato pari a 15.000 tonnellate (-26,7%) per un valore di 243 milioni di USD (-30,8%).


Settore pelletteria
Le esportazioni di borse nel primo trimestre hanno raggiunto un valore di 4,41 miliardi di USD, in calo del 19,8% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre le importazioni hanno totalizzato 656 milioni di USD (-21,2%).


Industria calzaturiera
Il fatturato dei calzaturifici cinesi di dimensione media e grande ha raggiunto 17,3 miliardi di USD, in calo del 19,8%, mentre l’utile dei produttori è sceso del 36,8% su base annua. L’export di calzature nel periodo ha totalizzato 1,73 miliardi di paia per un valore di 7,78 miliardi di USD, rispettivamente in calo del 24,1% e del 20,7%. L’import ha invece riguardato 52 milioni di paia (-5,4%) per un valore di 1,14 miliardi di USD (-5,6%). All’interno di questi dati, il volume delle calzature in pelle esportate è stato pari a 121 milioni di paia (-19,4%) per un valore di 1,55 miliardi (-20%), mentre le scarpe in pelle importate hanno fatto registrare un leggero aumento in quantità (+1.6%) per un totale di 14 milioni di paia, pari ad un valore di 423 milioni di USD (-11,4%).

Industria automobilistica
Secondo i dati diffusi dalla China Automobile Industry Association, nel primo trimestre 2020 sono state vendute 1,15 milioni di auto nel mercato domestico pari ad una flessione del 47,3% ed un calo degli utili dell’80% per i produttori.
Su mobilitazione dei produttori il governo cinese e i governi locali delle maggiori città stanno ora introducendo misure di sostegno al settore come sussidi e tagli fiscali per sostenere la produzione e le vendite. Secondo la China Automobile Industry Association con l’implementazione di questi provvedimenti il mercato dell’auto vedrà un’accelerazione della ripresa. La notizia incoraggiante è che ad aprile sono state vendute 1,53 milioni di auto sul mercato interno, un dato che rappresenta un aumento del 45,6% su base mensile.