Il Centro di ricerca francese CTC ha sviluppato una soluzione che permette al settore di affrontare la sfida della tracciabilità con “uno strumento essenziale e completo che risponde pienamente anche alle crescenti pressioni sociali che gravano sull’industria conciaria”.
“In un contesto nel quale le pelli grezze con pochi difetti sono rare, è importante migliorare la qualità della pelle attraverso azioni correttive sostenibili, dalla nascita dell’animale fino alla conceria, compreso trasporto, rimozione della pelle e sua conservazione” spiegano dal Centro di ricerca della filiera pelle francese.
La soluzione CTC si presenta articolata in 4 fasi. In estrema sintesi la fase 1 prevede il trasferimento dei dati di tracciabilità previsti dall’industria alimentare dalla carne alla pelle mediante la stampa di un’etichetta che riporta il numero identificativo dell’animale e che viene poi attaccata sulla pelle all’interno dell’impianto di abbattimento prima della rimozione della stessa. La fase 2 riguarda la marcatura laser della pelle. Si è visto che nessuna etichetta aggiunta sulla pelle resiste al processo di conciatura, quindi CTC ha sviluppato un sistema laser ad alta potenza che in pochi secondi imprime un codice di 14 caratteri sulla pelle dalla parte del pelo. L’operazione viene eseguita nell’area della spalla durante la fase di salatura o di selezione.
Con la fase 3 si passa alla lettura automatica del marchio alla fine del processo di concia. CTC ha progettato tre diversi tipi di stazioni di lettura automatiche che possono essere utilizzate in qualsiasi fase del processo per adattarsi alla configurazione della conceria. Grazie all’intelligenza artificiale, il sistema riconosce i caratteri alfanumerici impressi sulla pelle, anche quando solo parzialmente marcati o deformati durante la concia, con un grado di successo di oltre il 90%.
La fase 4 riguarda l’implementazione di un sistema di gestione dati centralizzato – basato su tecnologia blockchain – che permetta di soddisfare tutti gli obiettivi di tracciabilità, in primis il miglioramento della qualità della pelle, il benessere animale, il tracciamento dell’origine delle pelli.
CTC ha sviluppato questa soluzione dopo dieci anni di ricerche “per fornire al settore una gamma di strumenti industriali unici che assicurano un sistema di tracciabilità semplice, affidabile ed economicamente sostenibile. Si tratta di strumenti fondamentali per l'implementazione di azioni correttive volte a migliorare in modo sostenibile la qualità delle pelli e garantire la sicurezza delle fonti di approvvigionamento” concludono da Lione.


Nella foto in alto: la fase di marchiatura laser

Una stazione di lettura automatica del codice impresso sulla pelle 
Il diagramma del sistema di tracciabilità CTC
La creazione dell’etichetta cartacea e la sua applicazione sulla pelle grezza