In cinque anni le esportazioni americane sono quasi raddoppiate. Primo mercato di sbocco la Cina (+23%)

Esportazioni record per l’industria della pelle statunitense nel 2013. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura USA, lo scorso anno le esportazioni di bovine salate sono cresciute del 12% raggiungendo un controvalore di 1,85 miliardi di dollari, mentre quelle di wet blue hanno fatto segnare un +27% arrivando a quasi 800 milioni di dollari. In aumento del 15% anche le vendite estere di pelli suine che hanno totalizzato 57 milioni di dollari a dispetto delle restrizioni all’accesso in alcuni importanti paesi produttori.

Gli Stati Uniti continuano ad essere il fornitore privilegiate di pelli grezze e semi-lavorate dell’industria conciaria mondiale. Anche se l’etichetta può indicare “made in China” o “made in Italy”, la pelle grezza utilizzata arriva probabilmente da un manzo texano, da una vacca della California o da un maiale dell’Iowa. Produttori di tutto il mondo preferiscono utilizzare materie prime americane per realizzare scarpe, borse, pezzi di arredo ed automobili.

– Ha dichiarato Stephen Sothmann, presidente dell’Associazione delle pelli Usa, divisione dell’American Meat Institute.

La Cina è il più grande importatore di pelli grezze USA. Nel 2013 il valore del salato esportato verso la Cina è cresciuto del 23% arrivando a 1,1 miliardi, mentre quello del wet blue è aumentato del 7% per 282 milioni.
Gli Stati Uniti sono il primo fornitore della fiorente industria della pelle cinese e la relazione tra aziende americane e cinesi è cruciale per l’industria globale. Le pelli grezze rappresentano peraltro il terzo prodotto più importante dell’agricoltura Usa esportato in Cina. A partire dal 2009, l’industria della pelle americana ha visto crescere il valore del suo export del 90%, perfettamente in linea con l’appello del presidente Obama nell’ambito del National Export Initiative (NEI) di raddoppiare le esportazioni Usa in cinque anni. Se la tendenza proseguirà per tutto il 2014, è probabile che l’industria della pelle americana superi l’obiettivo NEI.

no images were found