In Gemata l’innovazione non si ferma mai: durante i mesi di lockdown, quando il mondo intero era in sospensione, il reparto di Ricerca e Sviluppo dell’azienda ha continuato a lavorare per realizzare e aggiornare i sistemi di rifinizione delle pelli.
In particolare, i dati del mercato dell’arredamento, relativi ai mesi primaverili ed estivi dello scorso anno, hanno evidenziato trend fortemente positivi a causa dei maggiori investimenti che i cittadini hanno fatto dovendo trascorrere molto più tempo in casa rispetto al passato.
Per rispondere alle nuove esigenze, i tecnici Gemata si sono concentrati sull’implementazione di tecnologie riguardanti le cabine a spruzzo: da questa ricerca, che ha prodotto nuovi sistemi che coniugassero il rispetto per l’ambiente e la riduzione dei costi di esercizio, nasce il nuovo SCRUBBER-Evo.
SCRUBBER-Evo risolve l’esigenza primaria delle concerie di migliorare l’efficienza delle proprie linee di verniciatura a spruzzo, negli impianti di rifinizione delle pelli, con una soluzione che minimizzi gli impatti inquinanti nell’ambiente: in questo senso, Gemata ha riprogettato il gruppo di depurazione fumi con un sistema a nebbia d’acqua (detto “a umido”) e filtri meccanici/tessili che migliorano le prestazioni di abbattimento.
Il nuovo depuratore ad alta filtrazione è una parte essenziale delle cabine Gemata perché consente l’abbattimento del particolato solido nei fumi emessi in atmosfera. Si differenzia rispetto ai precedenti modelli per una maggiore efficienza che è garantita dalla particolare soluzione ingegneristica adottata che comprende:
– un secondo cestello di corpi sferici di riempimento a superficie aggrappante maggiorata,
– un gruppo di ugelli posti in controcorrente sopra ai corpi di riempimento,
– un gruppo filtri a secco di facile sostituzione per catturare le particelle solide più microscopiche.

In questo modo l’aria esce purificata, priva di odori e di polveri sottili, poiché tutte le sostanze inquinanti vengono catturate.
Nello specifico, SCRUBBER-Evo è costituito da:
– una struttura monolitica in acciaio INOX AISI 304 con quattro camere di abbattimento,
– un girante di aspirazione in acciaio teflonato,
– più gruppi di ugelli che spruzzano acqua nebulizzata contro il flusso dei fumi aspirati dalla cabina di verniciatura,
– due cestelli contenenti corpi sferici di riempimento in continuo movimento,
– un gruppo di separazione gocce, composto da un labirinto di lamelle in acciaio inox, e da un gruppo di filtri a secco, posti prima del condotto di uscita dell’aria depurata, per catturare le particelle di dimensioni inferiori al micron.

Le dimensioni del sistema di depurazione sono personalizzabili in base alla luce utile dell’impianto e il suo posizionamento è flessibile: infatti, per risparmiare spazio, è possibile posizionarlo anche sopra la cabina tramite un’apposita pensilina.
Infine, la manutenzione e la pulizia sono rese veloci e sicure grazie ad un totale di cinque porte in acciaio INOX AISI 304 che rendono le ispezioni molto più rapide.

In definitiva, SCRUBBER-Evo rappresenta una tecnologia di abbattimento ancora più pulita: con il suo utilizzo si raggiungono valori di emissioni ben al di sotto dei limiti di legge, senza pregiudicare la manutenzione e la qualità del lavoro. È stato studiato per migliorare le prestazioni di efficienza nell’abbattimento delle polveri di verniciatura e per affiancare ai sistemi di rifinizione delle cabine di spruzzatura Gemata una soluzione progettuale qualitativamente elevata volta ad una maggiore sostenibilità ambientale.

Test granulometrici dell'anno 2020-2021 effettuati in centro analisi ambientale accreditato da Accredia e autorizzato dal Ministero Infrastrutture e dal MIUR